La famiglia Masih non è più schiava nelle fabbriche di mattoni

La famiglia Masih, di fede cristiana, lavora in una fabbrica di mattoni in Pakistan e non ha alcuna prospettiva di vita al di fuori della fornace perché rifiuta la conversione all’Islam. Finché un giorno i suoi debiti vengono saldati e per il padre, Eijaz, inizia una nuova esistenza come autista di risciò.
Molte altre famiglie vivono in condizioni di schiavitù e sognano la libertà. Aiutiamole!

Donare
Eijaz, Khalda e i bambini. csi

Agire ora

Aiuti le persone oppresse come la famiglia Masih a riacquistare libertà e dignità. Grazie di cuore!

Khaldha Masih inizia a piangere quando descrive la sua vita nella fabbrica di mattoni: “Mentre io e mio marito Eijaz fabbrichiamo mattoni, i bambini stanno seduti tutto il giorno nella polvere, nella sporcizia e nel caldo rovente”, singhiozza.

Eijaz e Khaldha Masih sono cresciuti nella fabbrica di mattoni. Vivono proprio accanto alla fornace e alla sua ciminiera alta diversi metri. Il padre, Eijaz, soffre di tubercolosi e di problemi renali, mentre il figlio Daud, di un anno, è nato con un piede torto e non può camminare. Per pagare medico e medicine hanno chiesto un anticipo al proprietario della fabbrica. Ora sono indebitati e in balìa del loro datore di lavoro.

Una rapida soluzione al problema di questa famiglia cristiana ci sarebbe: convertirsi all’Islam. Una tentazione, però, che Eijaz respinge fermamente: “Crediamo nel Signore Gesù Cristo. Preferiamo morire piuttosto che accettare una simile offerta.”

Un giorno, i Masih ricevono la visita di un partner di CSI, che prende in mano la loro infelice situazione e offre loro aiuto. Eijaz e Khaldha Masih vedono esaudite le loro preghiere.

Nel frattempo, tutti i debiti sono stati saldati, la famiglia è libera e vive in un luogo sicuro. Eijaz ha ottenuto un risciò (v. foto) per il trasporto di merci e persone. Anche le cure mediche per lui e per Daud sono state pagate, mentre la madre, Khaldha, può finalmente dedicarsi ai figli.

Innumerevoli persone come Eijaz e Khaldha Masih vivono oggi in condizioni di schiavitù. Il Suo contributo aiuta famiglie come la loro a ricominciare una vita in libertà e dignità. Grazie di cuore per il Suo sostegno!

Liberi da debiti e pronti per un nuovo inizio con il loro risciò! csi
Liberi da debiti e pronti per un nuovo inizio con il loro risciò! csi
Donare

Aiuti le persone oppresse come la famiglia Masih a riacquistare libertà e dignità. Grazie di cuore!

Ecco cosa può fare la Sua donazione
Contributo per pagare le spese mediche di una famiglia operaia nelle fabbriche di mattoni
Contributo per ripagare i debiti di una famiglia operaia nelle fabbriche di mattoni
Contributo all’avviamento di una piccola attività economica
importo di Sua scelta
Lasciare un commento

Kommentar erfolgreich abgesendet.

Der Kommentar wurde erfolgreich abgesendet, sobald er von einem Administrator verifiziert wurde, wird er hier angezeigt.